PoloMuseale

Eventi della settimana, dal 14 al 19 agosto 2018

Posted on Posted in Abbazia di Vezzolano, Castello di Serralunga, Forte di Gavi, Villa della Regina

Vezzolano

All’Abbazia di Vezzolano, martedì 14 agosto, apertura prolungata fino alle 23.00

Alle 20.20 partirà una visita guidata gratuita a cura dei volontari dell’Associazione Culturale La Cabalesta

alle 21.00 torna l’appuntamento con il Festival di concerti di musica antica in forma di ciclo solare “Aurea Materia”

L’iniziativa è promossa, in accordo con il Polo Museale, dall’Associazione Culturale La Cabalesta e dall’Associazione Culturale Gli Invaghiti, da cui è stata ideata e progettata. La direzione artistica della manifestazione è di Fabio Furnari.

Il concerto, dal titolo “Oriens – Qual mormorio soave. Voci e suoni nella notte della Dormizione della Vergine di Vezzolano”, sarà eseguito dall’ensemble De Labyrintho.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti, prenotazione consigliata segreteria@invaghiti.info

I successivi appuntamenti sono previsti sempre alle ore 21,00 del 9 settembre e del 23 settembre

 

Serralunga

Al Castello di Serralunga d’Alba, venerdì 17 agosto, torna l’appuntamento con Prosit!, una visita con brindisi dedicata al Barolo, ai castelli e ai cru.

Una serata di racconti e degustazioni, per accompagnare il pubblico in un tour del maniero scandito dalla sua storia attraverso i secoli e da aneddoti curiosi sul mondo del vino locale e su quello prodotto al tempo dei signori Falletti, nel XV secolo, fino ad arrivare all’uso agricolo del castello come cantina, nel XIX secolo, con Giulia di Barolo.

Le aziende agricole coinvolte quest’anno sono La Bioca (venerdì 15 giugno), Azelia (venerdì 20 luglio), Rivetto (venerdì 17 agosto) e Bruna Grimaldi (venerdì 21 settembre). Quattro dinamiche realtà vitivinicole del territorio, accomunate da alcuni preziosi vigneti all’interno del comune di Serralunga, che da secoli vanta una tradizione vinicola di eccellenza.

La visita parte dal giardino, per poi proseguire fino al cammino di ronda del piano più alto, inizialmente protetto da merli, ancora visibili, e poi coperto dal tetto. Al termine della visita, con il sole ancora alto all’orizzonte, sarà possibile ammirare l’intero territorio della bassa Langa a 360 gradi, andando a individuare le zone di produzione del Barolo e il paesaggio scandito dai regolari e ordinati vigneti.

La guida racconterà aneddoti e curiosità sulla storia del castello e del suo rapporto strettamente correlato con le attività agricole locali, dal medioevo a Luigi Einaudi, grande appassionato di vini, che si interessò affinché il maniero fosse acquistato dallo Stato. Al termine è prevista una degustazione.

La visita viene proposta alle ore 19.00 in lingua inglese e alle ore 20.00 in lingua italiana.

Prosit! è promosso da Barolo & Castles Foundation d’intesa con il Polo Museale del Piemonte.
La durata della visita e della degustazione è di circa un’ora e mezza.
Costo 13 euro intero, 10 euro ridotto (dai 18 ai 25 anni).
Possessori della carta musei 7 euro.

Gli appuntamenti sono a numero chiuso (max 25 persone ad appuntamento), è consigliabile la prenotazione: e-mail info@castellodiserralunga.it, tel. 0173.613358

 

Villa

Villa della Regina  venerdì 17 agosto alle 11.00 verrà proposta Una passeggiata da Re, visita dei giardini all’italiana che circondano la residenza (sono raccomandate calzature comode).

“Poco distante dal Monte siede la Vigna della Regina.
L’adornano orti e boschi a forma di anfiteatro con fontane e sontuosi ornamenti d’architettura.
Ha questa villa un pregio da pochi avvertito,
e nondimeno assai importante per l’istoria dell’arte del fare i giardini;
ed è ch’essa presenta incontaminato il carattere di un giardino all’italiana,
prima che l’uso dei giardini regolari alla francese trapassasse in Italia
insieme colle altre usanze della corte di Luigi XIV”
Questa descrizione del 1840 in poche righe mette in luce l’importanza e la bellezza dei giardini di Villa della Regina.
Durante la visita si risalirà il percorso della catena d’acque seicentesca, dalla fontana del Rondeau a valle fino al Mascherone a monte, dalla cui bocca sgorga la sorgente naturale che alimenta i giochi d’acqua. La guida spiegherà la definizione di “Vigna collinare” che accompagna la residenza fin dalla sua origine, nel 1615. Attraverso le finte grotte, il Padiglione dei Solinghi e una passeggiata nella Corona Boscata si raggiungerà il Belvedere Superiore, scenografico punto panoramico su tutto il complesso di Villa della Regina e sulla città di Torino.

Si consiglia l’utilizzo di calzature sportive

Panorama-estivo-claudio

hr1

sabato 18 agosto alle ore 11.00, visita dedicata agli Ebanisti a corte

Si tratta di un percorso dedicato all’arte dell’intaglio ligneo nel Settecento che si soffermerà sugli artisti piemontesi Pietro Piffetti, Pietro Massa e Giuseppe Maria Bonzanigo.
Il percorso si articola tra alcune sale dell’appartamento del Re e della Regina del primo piano nobile, rievocando e descrivendo le tecniche ebaniste adottate dai migliori artigiani di corte, per tutto il Settecento e inizio Ottocento. Il pubblico avrà modo di conoscere tre dei maggiori ebanisti piemontesi.
Pietro Piffetti, nominato da Carlo Emanuele III primo ebanista del regno, realizzò per lo stesso Re la preziosa libreria, un insieme armonico di rare essenze lignee ed intarsi, che fu trasferita nel 1876 al palazzo del Quirinale per volere del Re Vittorio Emanuele II. Oggi nella Villa si possono ammirare i preziosi “taburetti” settecenteschi impreziositi con inserti in madreperla, da poco restaurati e ricollocati nel medesimo Gabinetto della Biblioteca dell’Appartamento del Re.
Pietro Massa, abile artigiano autore delle preziose boiseries dei “Gabinetti alla China” degli appartamenti reali, nelle quali riuscì a rendere splendidamente il raffinato ed elegante gusto occidentale per l’oriente. Un insieme decorativo di straordinaria abilità dove seppe creare un’illusoria metamorfosi di materiali ed elementi e un’armonia tra personaggi e soggetti paesaggistici.
Giuseppe Maria Bonzanigo, maestro dell’intaglio in miniatura, con le sue ventole scolpite in legno di tiglio, conclude il viaggio all’insegna di quest’arte.

Gabinetto cinese
Gabinetto cinese

Informazioni e prenotazioni: tel. +39 0118194484; e-mail pm-pie.villadellaregina@beniculturali.it

 

 

Gavi

Al Forte di Gavifino al 29 settembre, con il biglietto di ingresso al Forte, è possibile visitare la mostra di sculture di Nino Ventura “Ad occhi chiusi”

Questa settimana il Forte sarà aperto nei giorni 15, 16, 17 e 18 agosto.

 

 


Condividi su:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail